Cerca
  • Fabio Rocca

"IL MARE E COME IO LO VEDO" di Giuseppe Lupinacci

Aggiornamento: gen 13




Lupinacci Giuseppe:


"La mia fotografia mi accompagna ormai da 20 anni, ho iniziato con la pellicola, una Fuji, poi sono passato al digitale, un passaggio quasi obbligato ma che mi ha aperto un mondo nuovo in una evoluzione artistica infinita. I miei scatti hanno come protagonista l’acqua, elemento predominante della natura che collega tutti gli esseri viventi, in un viaggio chiamato vita.



La mia fotografia spazia da ritratti, paesaggi, action, life. Tutti gli stili collegati da un unico soggetto. Non so come definirlo, ma nella mia mente e nei miei occhi succede qualcosa che porta la mia attenzione ad un particolare o qualsiasi altro soggetto che mi attrae, il tutto in una condizione di adrenalina nell’affrontare una forza della natura a contatto con il mio corpo e la mia mente. Io sono un fotografo dell’acqua.

Tutto nasce con il mio stile di vita che gira intorno al mare. Io cerco di immortalare l’attimo che mi fa vedere il mare come io lo vedo.



Durante tutti questi anni l’arte della fotografia mi ha sempre reso libero di dire la mia, attraverso un immagine e non con mille parole, il mio rapporto con il mare mi ha spinto a sentire l’esigenza di fotografare questo mondo sempre un po’ nascosto e visto con timore. Secondo me, l’immagine più bella non è quella fatta in un posto dove tutti e tutto è ormai visto, ma cercare di vedere l’invisibile e catturarlo.




Mi piace vivere in prima persona le mie fotografie e con la mia macchina fotografica cercare l’inquadratura perfetta, come un atleta studio le manovre per il giusto scatto, entrare in acqua e sentire sulla mia pelle il freddo e il sale che colpiscono la mia faccia, è una forte emozione quella che provo, cercando sempre di scattare una bella foto nel momento giusto, quando lotti contro la corrente per scappare da essa lasciandoti trasportare, quando ti aiuta a raggiungere il punto giusto al momento giusto, guardare il meteo e farne uno mio, cercare la location giusta, parlare con tutti per capire cosa e dove fotografare e posti in cui è meglio non fotografare … nuotare nell’oceano e sentire la puzza di pesce che ti fa capire che non sei solo, incontri marini inaspettati , scoprire le profondità del mare e le zone meno profonde, prevedere il momento giusto per catturare quell’attimo che sarà indimenticabile nella nostra mente, uscire dall’acqua e vedere la mia fronte libera da tensioni assurde, con la felicità nei miei occhi e non vedere l’ora di andare a vedere le foto scattate ed entrare in un altro mondo... che ve lo dico a fare.

Mi piace anche scattare foto che raccontano gli stati della materia acqua, ghiaccio, gassoso, liquido.



PRESTO IN UNA PERSONALE PRESSO LA ROCCART GALLERY DI FIRENZE.



105 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti