Cerca
  • Fabio Rocca

Nathalie Jean-Louis




L'artista visiva svizzera Nathalie Jean-Louis ha iniziato la sua formazione artistica aderendo all'Acadèmie de Meuron nel 1996, sotto la direzione di Gèrald Comtesse. Segue gli insegnamenti dei pittori Domenico Sorenti e Pauline Liniger e dello scultore Catherine Lauer-Wicky. Dopo 3 anni di studio, ottiene con successo il Diploma di Belle Arti dall'Accademia di Meuron. Nathalie Jean-Louis è un'artista multidisciplinare: dalla pittura alla decorazione del movimento di orologeria, esplora un universo ampio e ricco. Lavorando su tela e su carta, olio o acquerello, si concentra tuttavia negli ultimi anni su una serie che combina inchiostro e acquerello. La profondità  e l'intensità  del nero accoppiato con la vitalità dei suoi toni colorati rivelano paesaggi astratti, come mosaici non strutturati e zebrati. Un mondo dove la luce è diffranta e dove il vero si trova sostituito delicatamente dal sensibile. Nei suoi dipinti germinano mondi naturali, dove predominano acqua e vegetazione. Queste nature ricomposte sono trasposizioni di sensazioni, ricordi, impressioni, che si intrecciano per formare una composizione dinamica e labirintica. Nathalie Jean-Louis gioca molto con forme e trame, lasciando una grande libertà  al gesto. Sui suoi quadri sono sparsi piumini spessi che ricordano i lago, vigneti e prati fioriti, che in realtà  sono una giustapposizione di flash visivi depositati nella memoria e l'artista ha rimbalzo nella carta. Un intreccio di impressioni sensoriali. Il dipinto di Nathalie Jean-Louis - e quest'ultima serie in particolare - rivela una grande forza, ma anche una fragilità  palpabile, contribuendo a disegnare il mistero che afferra lo spettatore. Forme e colori vibranti, si ispira all'arte del vetro colorato per trasmettere con forza questi contrasti e la dolcezza che caratterizza la sua immaginazione. Sviluppa un dipinto in cui le curve colorate si fondono nell'oscurità  tracciata con inchiostro indiano. Filamenti di zebre, ombre abbaglianti, forme distese ballano e giocano insieme, alleandosi e respingendosi a vicenda. Tutta la sua arte è una canzone che incanta e brancola, cercando sponde dove appendere, orizzonti da svelare.

31 visualizzazioni

Roccart Gallery di Rocca Fabio P.I. 02269830515

via delle Ruote 6R, 50129, Firenze, IT

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now